18 Lug 2012

Counseling su attività  fisica e sana alimentazione per la prevenzione cardiovascolare

Sulla rivista “Annals of Internal Medicine” sono state pubblicate le raccomandazioni dell’U.S. Preventive Services Task Force sugli interventi di counseling comportamentale per promuovere l’attività  fisica e la sana alimentazione e prevenire il rischio cardiovascolare. Il lavoro (che è un aggiornamento del precedente documento del 2003) prende in considerazione le più recenti evidenze disponibili (66 studi) riguardanti adulti senza ipertensione, diabete, dislipidemia o precedente patologia cardiovascolare. Da tali evidenze si può desumere che, poichè l’efficacia del counseling è rilevante solo negli interventi ad alta intensità  (fino a 20 sedute di counseling), non è opportuno effettuare un intervento a tappeto nel contesto della medicina di famiglia. Potrebbe essere meglio indirizzare piuttosto il counseling in modo mirato, tenendo conto di elementi come la presenza di altri fattori di rischio cardiovascolare, la motivazione al cambiamento, la presenza di una rete sociale di supporto e le effettive risorse della comunità  per l’attività  fisica.

Ann Intern Med. 2012 Jun 26. doi: 10.7326/0003-4819-157-5-201209040-00486. Behavioral Counseling Interventions to Promote a Healthful Diet and Physical Activity for Cardiovascular Disease Prevention in Adults: U.S. Preventive Services Task Force Recommendation Statement.