18 Lug 2012

Frutta e verdura nell’alimentazione degli europei. Come mangi in estate? Pesce e tumore del colon

Frutta e verdura nell’alimentazione degli europei

Come è noto, aumentare il consumo di frutta e verdura è una delle priorità  indicate dalle maggiori agenzie internazionali di sanità  pubblica. Sul sito EUFIC una rassegna sintetizza i dati correntemente a disposizione sull’importanza dei vegetali nell’alimentazione, sul fabbisogno di frutta e verdura e sui comportamenti alimentari della popolazione europea relativamente a questi alimenti. La maggior parte degli europei non raggiunge i livelli consigliati dalle linee guida internazionali ( ≥ 400 g al giorno), anche se un maggior consumo si osserva nei paesi meridionali del continente. I principali fattori che influenzano il consumo sono l’età , il genere e lo stato socioeconomico (che si riconferma uno dei principali determinanti di salute per la popolazione). Altri fattori importanti sono quelli connessi con autoefficacia, autostima, preferenze alimentari, barriere percepite e atteggiamenti verso gli stili di vita sani. Un altro fattore di importanza cruciale è quello degli atteggiamenti verso il cibo della rete sociale in cui una persona è inserita. Gli autori concludono con il suggerimento di adottare strategie multi-componenti e di lunga durata (almeno 12 mesi) indirizzate sia ai fattori individuali (abilità , motivazione, conoscenze…) sia a quelli ambientali, includendo anche il coinvolgimento degli amministratori e dei decisori locali.

Fruit and vegetable consumption in Europe – do Europeans get enough?

 

Come mangi in estate?

Il Ministero per la salute propone il decalogo sulla sana alimentazione in estate:

1. Mangia a tutti i pasti e fai una ricca prima colazione
2. Consuma più frutta, verdura di stagione e yogurt (possibilmente senza zuccheri aggiunti)
3. Prepara piatti colorati, in modo da assumere tutte le sostanze nutritive di cui hai bisogno
4. Evita i piatti elaborati e ricchi di grassi, condisci con olio a crudo e diminuisci l’uso di sale
5. Privilegia cibi freschi, leggeri e ricchi di acqua. Evita spuntini troppo salati o zuccherati
6. Mangia un gelato o un frullato come alternativa al pranzo (non in aggiunta)
7. A pranzo o a cena consuma un piatto unico bilanciato. Cerca di farlo anche se in vacanza soggiorni in albergo a pensione completa
8. Riduci il sale e opta per quello iodato. Se sei iperteso potresti consumare sale iposodico o asodico
9. Fai attenzione a come conservi gli alimenti
10. Bevi almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, diminuisci il consumo di vino, birra e bevande con zuccheri aggiunti ed evita le bevande molto alcoliche.

Scarica l’opuscolo e il poster “E…state OK con la nutrizione”

 

Consumo di pesce e cancro del colon

L’American Journal of Medicine ha recentemente pubblicato una review sistematica con metanalisi della letteratura su consumo di pesce e cancro del colon-retto. Dai 22 studi prospettici di coorte e 19 caso-controllo analizzati è risultata una riduzione del 12% del rischio di questi tumori – odds ratio (OR) 0.88 (CI 95% 0.80-0.95) ; confrontando i due gruppi con maggior e minor consumo di pesce l’OR era rispettivamente 0.83 (CI 95% 0.72-0.95) e 0.93 (CI 95% 0.86-1.01). L’effetto era più significativo per il cancro del retto. Si è osservata una eterogeneità  tra gli studi caso-controllo ma non tra quelli prospettici. Gli autori concludono che il consumo di pesce ha un’associazione inversa con il cancro del colon retto.

Fish Consumption and Colorectal Cancer Risk in Humans: A Systematic Review and Meta-analysis.
American Journal of Medicine. 2012 Jun;125(6):551-559.e5. Epub 2012 Apr 17.