18 Set 2012

ULSS 3, 5, 7, 9, 19, 20, 21

ULSS 3, 5, 7, 9, 19, 20, 21

ULSS 3: 1. Dis-abilmente – Il Servizio Educazione e Promozione Salute con il SIAN e la Medicina Fisica e Riabilitazione dell’ULSS 3 di Bassano ha attivato percorsi formativi per promuovere l’attività  motoria e la corretta alimentazione presso i Centri per disabili adulti del territorio. Si è favorita la formazione degli operatori e anche di un gruppo di disabili e dei loro familiari. Le attività  sono state realizzate da due fisioterapisti, da una dietista e da un maestro di nordic walking. 2. Attiviamoci! Non è mai troppo tardi – Il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria dell’ULSS 3, in collaborazione con i comuni di Marostica, Nove e Pianezze ha promosso una serie di azioni volte ad aumentare l’attività  fisica nelle persone dai 35 ai 55 anni, con corsi di danze popolari, acquagym e nordic walking con orari adatti ai cittadini in età  lavorativa e prezzi agevolato. 3. Pedibus e Carrobus – Un nonno del Comune di Rosà  ha costruito il “ Carrobus”, un carrettino trainato a turno dalle mamme, nel quale i bambini, alle “fermate” lungo il percorso casa-scuola, depositano gli zaini; è sicuramente un esempio di creatività , ma anche di collaborazione tra comunità  e istituzioni.

ULSS 5: Stile di vita nei pazienti oncologici – Diversi studi hanno evidenziato come le donne in sovrappeso o obese hanno un più elevato rischio di recidive e una più elevata mortalità . Altri studi epidemiologici hanno dimostrato che il sovrappeso è correlato con un rischio più elevato di cancro del colon-retto. Dal mese di marzo 2012 il Servizio di Igiene e Sanità  Pubblica dell’ULSS 5 con l’U.O.C. di Oncologia e il Servizio Nutrizionale e Dietetica hanno attivato il progetto, in cui l’attività  fisica, abbinata al percorso di dietoterapia, viene svolta con una laureata in Scienze Motorie che conduce i gruppi di cammino e attività  di ginnastica dolce potenziata. La partecipazione al progetto è offerta a pazienti con cancro della mammella e del colon-retto in stadio precoce, con obesità  o sovrappeso, al termine del trattamento chemioterapico o durante la terapia ormonale precauzionale.

ULSS 7: A scuola con il car pooling – Il car pooling consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con l’obiettivo di diminuire il numero di auto circolanti. Organizzare il car pooling scolastico è relativamente semplice essendo il punto di arrivo e l’orario comuni per tutti. L’iniziativa è finalizzata a sensibilizzare famiglie e studenti alla condivisione dell’auto e a ridurre il numero di auto circolanti. Il “car pooling” nasce insieme al “Piedibus”, che ha al suo attivo ben 63 percorsi in 16 Comuni dell’ULSS 7 e vede il coinvolgimento di oltre mille bambini e 750 accompagnatori. La prima esperienza di car pooling è stata avviata in via sperimentale nell’anno scolastico 2010-2011 nel Comune di Mareno di Piave. Successivamente il progetto è stato attuato anche nelle Scuole Primarie di Gaiarine, Francenigo e San Fior; complessivamente nei quattro comuni le auto impegnate nel car pooling sono state 22, con a bordo 45 bambini e circa trenta autisti disponibili. Dall’esperienza maturata negli anni sono nate le linee guida per promuovere il car pooling nella propria realtà , realizzate in collaborazione con la provincia di Treviso e con il comune di Mareno di Piave.

ULSS 9: Giovedì 20 settembre 2012 alle 16.30 a Treviso – Auditorium della Provincia si terrà  l’evento di presentazione e sottoscrizione della “Carta di Toronto per l’attività  fisica: una chiamata globale all’azione” in occasione del lancio del progetto “Lasciamo il segno, la rete trevigiana per l’attività  fisica“, promosso dall’Azienda Ulss 9 con il coinvolgimento della Provincia di Treviso, dei 37 comuni del territorio di competenza, del CONI provinciale, dell’Ufficio Scolastico Territoriale, del coordinamento provinciale delle Associazioni di Volontariato ed altri enti e associazioni, con l’obiettivo di favorire l’accessibilità  allo svolgimento di attività  motoria per tutta la popolazione.

ULSS 19: Progetti con…Fido – Da quest’anno i bambini di Corbola potranno recarsi a scuola a piedi in compagnia di un cagnolino, che renderà  la passeggiata più piacevole e divertente. Grazie al progetto “Camminando con…Fido” sono stati infatti adottati due cani presso la casa di riposo del Comune di Corbola. I due animali, oltre a partecipare al Pedibus, renderanno possibile l’avvio del nuovo progetto “Passo dopo passo con…Fido”, con l’obiettivo di promuovere l’attività  motoria degli ospiti della casa di riposo: gli anziani potranno infatti portare a passeggio il cagnolino e accudirlo, con tutti gli effetti benefici che ne derivano. I due progetti sono un’iniziativa del Dipartimento di Prevenzione di Adria. Per informazioni dott.ssa Nadia Franzoso (franzoso.nadia@ulss19adria.veneto.it prefisso 0426 tel 940482)

ULSS 20: 1. Per la settimana europea della mobilità  sostenibile martedì 18 settembre alle 16 (Aula T1 del Polo Zanotto – viale dell’Università  – Verona) si terrà  il convegno “Camminare e pedalare a Verona – Il benessere fisico e mentale in tempi di crisi“. Saranno presenti fra gli altri Ivan Moroder, direttore dell’ufficio mobilità  di Bolzano (dove il 29% degli spostamenti avviene in bicicletta e il 66% in bicicletta, a piedi o con i mezzi pubblici), Marco Passigato, Mobility Manager dell’Università  di Verona e Susanna Morgante, neo eletta Mobility Manager dell’ULSS 20. Per informazioni smorgante@ulss20.verona.it. 2. Proseguono le attività  motorie per diabetici over 55: ginnastica in palestra (palazzetto dello sport, zona stadio, e palestra Gavagnin, zona borgo venezia), gruppo di cammino (percorso salute S. Zeno), nordic walking, gruppo podistico. Per informazioni telefonare al numero: prefisso 045 tel 8343959.

ULSS 21: Mettiamoci in moto – Progetto di comunità  finalizzato ad incrementare il tempo dedicato all’attività  fisica di bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Il gruppo di progetto è coordinato dall’A.S. Giuliana Faccini del Dipartimento Prevenzione e comprende esperti di promozione della salute, la Facoltà  di Scienze Motorie di Verona, il Coni, rappresentanti delle società  sportive, il comune di Legnago e altri quattro comuni dell’ULSS 21 con le relative scuole primarie e secondarie di I grado. Le azioni sono mirate a far sì che i destinatari abbiano a disposizione: piste ciclabili e pedonali sicure; spazi verdi attrezzati, sicuri e gratuiti; laboratori durante l’orario scolastico oltre alle ore curricolari; proposte sportive e giochi gratuiti, nelle fasce orarie pomeridiane. E’ stata posta attenzione anche a coinvolgere il contesto familiare perchè favorisca lo stile di vita attivo (ai genitori vengono proposte attività  formative ed eventi), a favorire l’accesso alle associazioni sportive, che accettando di aderire al progetto vengono formate sui quattro temi di “Guadagnare salute”, e a sviluppare nell’intera comunità  la consapevolezza dell’importanza dell’attività  fisica, utilizzando canali come siti internet, poster, articoli su giornali locali ed una guida sia cartacea che scaricabile sull’offerta gratuita del territorio per praticare attività  fisica (piste ciclopedonali, campi liberi, aree fitness all’aperto…)